Ingredienti: Farina 00 200g, zucchero 200g, fecola di patate 50g, uova 4, olio di semi di girasole 200g, succo di ½ limone, buccia di 1 limone, 1 bustina di lievito per dolci.

Per la crema: acqua 300g, zucchero 200g, succo di 1 limone, scorza grattugiata di 1 limone, uovo 1 intero, fecola di patate 50g.

Un dolce questo semplice da realizzare e morbidissimo al palato; vi sembrerà di addentare una nuvola. Anche se ricette di torte al limone come questa ce ne sono tante in giro nel web, in questo caso la sorpresa è all’interno: la sua crema, per la precisione. E’ fatta con l’acqua, si, l’ingrediente predominante oltre le polveri è il liquido per eccellenza del quale non possiamo fare a meno, il liquido del quale il nostro corpo è composto al 70% (checché ne dica qualcuno). Grazie a questo ingrediente la crema, vedrete voi stesse, avrà un aspetto vitreo e il sapore del limone, che in questo caso non è mitigato dalla dolcezza del latte, lo si sentirà in tutta la sua purezza. Quindi niente cammuffamenti, non si bara, nessun trucco, solo sapori veri e trasparenze.

Quante di quelle persone possiamo dire di conoscere e che possiedono queste caratteristiche?

Personalmente le conto sulle dita di una mano, ma non della mia, ma di quella di uno dei sette nani che di dita ne ha quattro. Molti ti si presentano con i migliori propositi di questo mondo: solari, disponibili, complici. Al primo “singhiozzo” il motore dell’entusiasmo comincia ad avere le prime battute d’arresto e quello che credevi l’inizio di un rapporto duraturo si riduce a sorrisi di facciata, conversazioni banali e retoriche e la “crema” trasparente dal gusto autentico, diventa semplice panna (s)montata.

Voi però concentratevi per realizzare un buon dolce e cominciate col mettere le uova intere in una ciotola con lo zucchero e montatele con le fruste (anche elettriche) fino a quando il composto sarà diventato chiaro e spumoso, in seguito aggiungete l’olio, il succo di limone e la buccia grattugiata e mescolate. Infine aggiungete le polveri: setacciate insieme la farina, il lievito e la fecola di patate, mescolate, così da far assorbire tutto.

Ora imburrate e infarinate una teglia rotonda o rettangolare, io questa volta ho scelto la seconda per poter servire il dolce sotto forma di mattonelle. Versate l’impasto nel tegame e infornate  a 180° per 40 min.

Intanto preparate la crema: con una frusta, in un tegame, mescolate l’uovo con lo zucchero, poi aggiungete il succo e la scorza, continuate a mescolare. In seguito mettete la fecola ed infine l’acqua. Ponete sul fuoco e mescolate continuamente fino a quando comincerà ad addensarsi. Lasciate leggermente intiepidire.

Un aspetto importante da conoscere di questa crema è che non deve essere completamente fredda, altrimenti sarà difficile stenderla sul pan di spagna.

Prendete la torta che intanto si sarà raffreddata e tagliatela in due strati, farcitela con la crema all’acqua e richiudetela. Infine spolverizzate la superficie con copioso zucchero a velo.

Bontà e sapori autentici vi conquisteranno e se fino ad ora pensavate che la crema pasticcera piuttosto che la diplomatica potessero essere il top, ora annovererete nella vostra classifica anche la crema all’acqua al limone.

Provare per credere, almeno per i dolci più di un tentativo lo si può fare, con le persone risulta un po’ più complicato, i troppi tentativi renderebbero i rapporti stanchi e privi di spontaneità, quindi poco male, si continua a vivere comunque: con tutti sulla superficie, con pochi sulle quattro dita!

Angela Masciale