Sabato 24 e domenica 25, tra Taranto e Grottaglie, Passerella Mediterranea 2022 entra nel vivo: due convegni e una serata- evento per accendere i riflettori su temi economici ed etici.

Si parlerà di territorio ma anche di women empowerment

Passerella Mediterranea 2022 – Donne non Pupe entra nel vivo. Dopo la presentazione ufficiale alla stampa della scorsa settimana, prende il via la due giorni di eventi che mira ad accendere i riflettori su temi economici ed etici del nostro tempo.

Sabato 24 alle ore 10.30, presso la a sala Monfredi della Cittadella delle Imprese di Taranto, sia svolgerà il convegno ‘UNICO’, sul tema dell’alto artigianato ionico, cifra stilistica del territorio e autentico volano per l’economia locale, e wedding tourism, il mercato internazionale alimentato dagli sposi che scelgono proprio l’Italia per il loro fatidico sì. L’incontro è stato pensato per dare spazio al dialogo e al confronto sulle opportunità di promozione e rilancio del territorio, rappresentate proprio dai due settori, diversi eppure fortemente collegati fra loro. A relazionare sul tema saranno Gianfranco Chiarelli, commissario straordinario CCIAA, Luigi Romandini, storico della città di Grottaglie, Giovanni Sparacio, responsabile editoriale per Elle Spose e redattore di Elle Weekly, Vitantonio Marzano direttore del magazine Domanimisposo. A portare la testimonianza di eccellenza del territorio Mimmo Vestita, ceramista della Bottega Vestita, storico laboratorio di ceramiche artistiche di Grottaglie. Modera i lavori Enrica Manelli.

Domenica 25, a partire dalle 11, il secondo salotto tematico dal titolo ‘Donne non Pupe’, verterà su temi come il women empowerment e i valori declinati al femminile, ma l’incontro sarà anche un modo per raccontare l’origine della leggenda delle ‘pupe’, le piccole e bizzarre sculture tipiche della zona con corpo di donna e viso baffuto, e la loro lavorazione. A conversare, nell’ambientazione del castello Episcopio, saranno Serena Ranieri, presidente Federmep e destination wedding planner, Gaetano Fasano, maestro ceramista dello storico laboratorio di ceramiche artistiche di Grottaglie di Marcello Fasano, Vitantonio Marzano direttore del magazine Domanimisposo, Carmelo Conte artista scultore, Silvia Semeraro karateka tarantina, campionessa continentale ai Giochi europei di Minsk 2019 e vincitrice della medaglia oro ai Giochi del Mediterraneo di Tarragona 2018.

Gran finale nel segno dell’eleganza con un ‘Wedding fashion show’, il défilé di alta moda sposa dell’atelier Carmela Comes Bride che presenterà ‘Femminilità’, la collezione sposa 2023. Abiti unici nel loro genere, rigorosamente hand made a chilometro zero, pura espressione del mondo femminile secondo la direttrice creativa Carmela Comes, deus ex machina del brand.

L’evento conclusivo è stato pensato come momento clou della due giorni: non si tratterà di una semplice passerella ma di un vero e proprio show che coinvolgerà la città intera e che avrà come palcoscenico un luogo unico come piazza Regina Margherita, nel centro di Grottaglie. Un modo anche questo per celebrare, quindi, non solo la donna, ma tutto il territorio e per far proseguire il percorso già intrapreso dalla maison di moda di ‘dialogo creativo’ con la città delle ceramiche.

A fotografare l’evento le allieve dell’Istituto Italiano di Fotografia di Milano.

Alla serata, sono attesi wedding planner internazionali e prestigiosi magazine di settore per ‘raccontare’ l’avvenimento. (Accesso su invito. Posti limitati).