Da anni mi occupo di organizzazione di grandi eventi e di matrimoni e sono stato al fianco di centinaia di coppie e di persone cariche di tensione che vivono male il giorno più importante della loro vita.

Il giorno del matrimonio si sa è il culmine di un periodo trascorso a prendere decisioni fondamentali per far sì che tutto sia perfetto.

Questa aspettativa e l’aumentare del carico tensivo non fanno altro che portare i futuri sposi a vivere la preparazione al matrimonio come una esperienza che da indimenticabile può diventare da dimenticare.

Invece è esattamente l’opposto. La felicità non è una meta ma tutto quello che c’è tra noi e lei, tutti i passi che facciamo ogni giorno, tutte le strade che prendiamo nel tentativo di raggiungerla, anche solo per un momento.

Il modo di pensare comune è quello che si debba prima AVERE, poi FARE e solo dopo ESSERE. Invece questo schema andrebbe rovesciato, come dice bene B. Hardy: prima dovremmo cercare di ESSERE ciò che vogliamo essere, poi cominciare a FARE in questo stato mentale positivo, e conseguentemente, quasi immediatamente, ciò che fai ti porterà ciò che desideri AVERE. Mi potrete chiedere: “Cosa c’entra tutto questo con il matrimonio? “. Ebbene l’atteggiamento con cui affrontiamo la preparazione al matrimonio è importantissimo per giungere al grande giorno con uno stato psicologico e mentale positivo e non stressato. Il percorso dunque è la chiave della nostra felicità. Per questo è essenziale avvicinarsi all’organizzazione del proprio matrimonio con l’approccio giusto in modo da godere fino in fondo il momento. E quando non si è in grado di alleggerire da soli il carico di tensione, può essere opportuno affidarsi ai wedding planners professionisti che si fanno carico di tutte le responsabilità e le tensioni di quel giorno “accompagnando” la coppia in tutte le fasi preparatorie del matrimonio, gestendo tutti gli aspetti logistici e scenografici e affiancando gli sposi fino al taglio della torta. Si giunge così al Wedding Day in uno stato mentale di serenità, consapevoli che la tanto desiderata felicità sia una strada da percorrere. Una strada complessa però tutta da vivere perché fondata sull’amore.

Perché l’amore è il vero elemento emozionale del matrimonio.

Luigi De Nicolo / My Touch