Viktor & Rolf

Il design scandinavo detta regole in tutti i canoni estetici del vivere moderno, dall’arredamento all’architettura, anche grazie alla sua fondamentale attenzione alla funzionalità.

Ogni oggetto è pensato e progettato in virtù dell’ergonomia e del massimo confort.

Una sorta di ricerca costante del miglioramento della qualità della vita perseguito attraverso i principi della sobrietà, della pulizia estetica e dell’eleganza applicata ad oggetti di uso quotidiano.

Semplicità, sincerità, proporzioni perfette ed armoniosità delle linee sono i principi ispiratori di una filosofia di vita che è una costante ricerca di equilibrio ed armonia fra uomo e natura circostante.

È stata per noi un’autentica meraviglia ritrovare questi elementi nella collezione presentata alla Bridal Week di New York dalla maison Viktor&Rolf.

Una vera e propria opera prima, considerato che finora i due stilisti svedesi avevano realizzato solo l’abito a fiocchi della principessa Mable di Orange-Nassau, da cui era poi derivato il modello “low cost” pensato per H&M.

Invece dalla collaborazione con il noto designer di abiti da sposa Justin Alexander, è nata una collezione che ha sorpreso tutti per la scelta di finiture pregiate e per la ricercatezza delle tecniche sartoriali adottate.

20 capi rigorosamente bianchi, in linea con la tradizione ma caratterizzati da uno spirito modernista. Linee minimaliste, semplicità svedese (appunto!), zero colore e zero pizzo.

Ogni abito è reso speciale da dettagli unici, fiocchi o fiori 3D, scollature particolarissime a cuore o diritte, volant asimmetrici a cascata. E per la sposa che non vuole rinunciare alla modernità del pantalone, c’è l’abito con il fiocco oversize in vita, dallo stile sofisticato e decisamente elegante.

Il mio preferito invece è il mini dress svasato con fiori 3D e colletto, in puro stile anni 60, sintesi di raffinatezza ed equilibrio che sono il tratto comune di una collezione davvero speciale.

Anna Sole Frugis

Facebooktwitter