Il Feudo della Selva, antica location federiciana, è diventata da qualche tempo una scelta elettiva per quei turisti stranieri che sognano di sposarsi in Puglia.

Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Anna Laura d’Alessio che è la wedding project manager del Feudo della Selva.

D: Da quale paese estero arrivano con più frequenza? E perché scelgono il Feudo?

R: Gli sposi inglesi, francesi, tedeschi e spagnoli sono attratti dal fascino del feudo antico e dalla raffinata eleganza nell’associare i colori tipici delle mura della dimora storica con le tonalità delicate degli interni, ispirate alla canapa e al lino. Una soluzione neutra che può essere abbinata a qualunque scelta cromatica così come al total white. Inoltre il Feudo è riservato in esclusiva solo per feste di Nozze. Proponiamo solo cucina pugliese di classe, festeggiamo un solo matrimonio al giorno e soprattutto abbiamo personale specializzato in lingue straniere.

D: Il contesto naturalistico influisce sulla scelta?

R: Si, certo, Feudo della Selva è totalmente immerso nel bosco di pianura più grande d’Europa. “Se il Signore avesse conosciuto questa piana di Puglia, luce dei miei occhi, si sarebbe fermato a vivere qui” , diceva di questo bosco Federico II, Imperatore di Svevia, che nel 1400 lo scelse come “location” per le nozze del figlio Manfredi, con una festa di caccia con cinquemila persone tra dame e cavalieri.

D: Realizzare un solo matrimonio al giorno, è un valore aggiunto per gli sposi?

R: Consente agli sposi di poter realizzare un evento in totale disponibilità di tutte le sale, di tutti i giardini, le piscine ed i servizi del Feudo, senza correre il rischio di condividere spazi e rumori con altri matrimoni di sale vicine.

D: Perché riservare la struttura solo per feste di Nozze?

R: La proprietà ha deciso di riservare la struttura solo per matrimoni esclusivi per garantire un servizio sobrio e di classe con un numero elevatissimo di camerieri professionisti, sommelier ed esperti wedding planners.

D: Se ci sono sommelier significa che realizzate anche la carta dei vini?

R: Si, la carta dei vini nel matrimonio è un nostro fiore all’occhiello, nato da un’idea di mio fratello Beppe, avvocato oltre che food & beverage manager; la nostra carta dei vini è pensata per lasciare agli ospiti il piacere e la libertà di poter degustare il vino scegliendolo fra le eccellenze del territorio pugliese.

D: A proposito di eccellenze pugliesi, la cucina?

R: La nostra squadra di cucina vanta come elemento di vertice lo Chef Antonio Sgarra maestro di scuola di cucina Tranese e il suo braccio destro lo Chef Pino Iacovo, conosciuti per aver portato al successo la cucina barese nel matrimonio in importanti strutture della BAT.

Feudo della Selva è una struttura antica, che profuma di storia ma è fortemente radicata nel presente, con un orientamento unico e speciale nella cura attenta dei propri ospiti.

Che sia questo il suo segreto?

Antonio Marzano