Elie Saab, meglio conosciuto come ES, è uno stilista libanese nato a Beirut nel 1964. Si dice che abbia iniziato a disegnare abiti all’età di sei anni, che a nove anni confezionasse abiti per la sorella e che adolescente vendesse le sue creazioni alle donne del quartiere. La sua naturale propensione verso il mestiere di couturier lo porta ad aprire il suo primo atelier a Beirut nel 1982, poco meno che ventenne, disegnando abiti da sposa e vestiti da sera. Dal suo atelier principale dedicato all’haute couture, con sede in Libano, ha cominciato una progressiva espansione che lo ha portato ad aprire showroom a Milano, Parigi, New York, Londra, Mosca, Melbourne e Dubai. Già negli anni 80 principesse e dive del cinema scelgono Elie Saab. Nel 1997 è l’unico designer non italiano ad essere invitato a partecipare alla Camera Nazionale della Moda. Oggi, secondo Vogue è lo stilista che vende più haute couture nel mondo. Annovera tra le sue clienti anche la regina Rania di Giordania, e l’attrice Halle Berry. La donna di ES, sia quella proposta nell’haute
couture che nel pret a porter è elegante raffinata e preziosa. Nel pret a porter ricami, cristalli e pizzi pregiati
si contrappongono a tessuti destrutturati e geometrici. Le tonalità preferite sono il blu, dal cobalto a quello elettrico, il fucsia, l’arancione, il verde smeraldo o il verde bosco. Per l’haute couture invece Elie Saab propone una principessa delle fiabe vestita di ricami, drappeggi e tessuti importanti, con fili d’oro e pietre preziose a dare valore ad abiti dai tagli perfetti quasi scultorei. Per quel che concerne la collezione bridal invece lo stilista sembra seguire quella che è la tendenza del 2015, cioè gli abiti con trasparenze effetto mesh. Le troviamo applicate su vestiti da sposa a manica lunga con gonna a ruota ricamata, modelli scivolati e abiti sirena sulle tonalità del turchese, rosa cipria, avorio e grigio perla. Abiti sofisticati e romantici caratterizzati da un’idea di femminilità delicata e seducente.

Marialucia Dicorato