Baroque wedding

Se parliamo di tendenze dell’anno non possiamo non parlare di Baroque Wedding, uno stile che segna una vera e propria svolta: la semplicità e la naturalezza cedono il passo al lusso, allo sfarzo, all’eccentricità.

Una soluzione perfetta per le spose stravaganti che non perdono mai di vista la raffinatezza e l’eleganza ma che vogliono stupire con un’opulenza che non degenera mai negli eccessi e nelle esagerazioni.

Uno stile ispirato alle atmosfere di Versailles, alle feste da ballo organizzate dalla regina Maria Antonietta. Elementi sfarzosi, brillanti e dorati di grande impatto, ma sempre armonizzati fra loro con raffinatezza.

Una prima anticipazione di questa moda si è avuto con le nozze di Pippa Middleton, e successivamente con il matrimonio reale dei Ferragnez.

Per spiegare il baroque wedding mi vengono in mente una serie di riferimenti che possono essere motivo di ispirazione. Una buona idea potrebbe essere rivedere il film di Sofia Coppola dedicato a Maria Antonietta, regina di tutte le influencers. Ma anche “Le relazioni pericolose” di Stephen Frears e l’indimenticabile “Lady Oscar” possono essere una buona traccia.

Elemento dominante è l’oro che troviamo nelle mise en place, nell’abito della sposa, sulla wedding cake, persino in alcune portate del banchetto. Il tocco dorato conferisce ad ogni elemento lo scintillio necessario per catturare l’attenzione. In base al gusto degli sposi lo si trova abbinato ad una gamma di colori che spazia da tonalità cupe come il borgogna o il verde smeraldo a nuance più neutre come il rosa cipria. Chi ha timore di esagerare lo assocerà al bianco o all’avorio. Chi invece vuole davvero stupire lo accosterà al nero per un effetto scenografico davvero sorprendente.

Questi contrasti cromatici vengono riprodotti con grande impatto visivo su ogni elemento costitutivo delle vostre nozze. L’abito, ovviamente importante e sfarzoso, sarà impreziosito da raffinatissimi ricami oro. La partecipazione di matrimonio potrebbe essere realizzata in carta oro glitterata laser cut o su cartoncino alabastro magari accompagnato da un broccato di seta. Per l’allestimento, ricchi candelabri in oro e cristallo associati a lampadari di cristallo, lunghi tavoli imperiali con tessuti damascati, piatti e sottopiatti monogramma, posate placcate oro, tripudio di composizioni floreali alte e sontuose e un tableau de mariage che potrebbe essere un grande specchio con cornice barocca.

La scelta della location naturalmente non potrà essere la masseria ma si dovrà optare per una villa antica o per una dimora storica, possibilmente circondata da giardini alla francese.

“Concerto alla Rustica” di Antonio Vivaldi, potrebbe essere la musica del vostro ingresso in sala. Mentre l’after dinner party potrebbe essere uno spettacolare party in maschera in puro “Eyes Wide Shut” style.

“Ohh Lady, Lady Lady Oscar tutti fanno festa quando passi tu”.

C’è una grande festa alla corte di Francia.

antonio marzano